Test di Cooper

Il Test di Cooper  è stato creato da Kennet Cooper nel  1968 per misurare il grado di allenamento di una persona (inizialmente era dedicato ai militari). Oggi si usa come riferimento per calcolare la soglia anaerobica di un soggetto.

COME SI ESEGUE

Per questo tipo di Test non occorre l’utilizzo di un’attrezzatura particolare, è sufficiente un cronometro e un luogo dove poter misurare la distanza percorsa (come ad esempio una pista di 400 mt).

Si chiede all’ atleta di correre per  12 minuti al massimo delle sue capacità cercando di mantenere una velocità possibilmente costante. L’ obiettivo sarà quello di ricoprire più metri possibili.

Infatti, al termine dei 12 minuti si misura semplicemente la distanza percorsa;  quest’ ultima ci darà un’indicazione sullo stato di allenamento del soggetto in esame.

Il Test di Cooper si basa quindi sulla misurazione del VO2max (massimo consumo di Ossigeno), capacità che può essere allenata e presenta differenze in relazione all’età e al sesso.

Esistono delle tabelle in grado di darci un riferimento preciso del risultato in relazione ai due fattori sopracitati. La valutazione per i giovani ha dei valori ben precisi per ogni fascia d’ età e si possono reperire tranquillamente sul web; per gli adulti (maschi) abbiamo per esempio un riferimento di questo tipo:

I = molto carente  < 1610m

II = carente   < 2000m

III = mediocre  < 2400m

IV = buono  < 2800m

V = molto buono  >2800m

Il Test di Cooper, quindi, risulta essere un ottimo metodo di indagine per misurare la resistenza, ma da solo rimane un po’ approssimativo. Bisognerebbe, infatti, accanto al risultato della distanza, andare a valutare il livello di lattato nel sangue per controllare l’allenamento in maniera più precisa.

E per i bambini? Per questa categoria esiste un test di Cooper adatto a loro, in quanto il loro metabolismo ha un andamento differente da quello di un adulto. Nei bambini infatti, il passaggio dal metabolismo anaerobico a quello aerobico avviene prima, per questo il test di Cooper per i giovani atleti è di soli 8 minuti, con tabelle di valutazione dedicate.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *