Skimboard – Consigli Pratici

Imparare ad andare sulla tavola da skimboard è un’esperienza  da fare assolutamente durante l’ estate. Scivolare sulla battigia, cavalcare un onda e per i più bravi eseguire qualche trick, può farci passare qualche piacevole ora nelle calde giornate di mare, anche sfidando qualche amico.

Ma come si usa la tavola da skimboard? Come si impara ad andarci? Semplice:  provando!

Se siete alle prime armi o volete migliorare la vostra tecnica, qui di seguito troverete qualche dritta.

1) assicurati di iniziare a praticare dove non ci sono bagnanti o comunque c’ è poco traffico.

Soprattutto le prime volte, o mentre stai provando qualche nuovo trick, la tavola può facilmente sfuggirti da sotto i piedi scivolando sulla superficie dell’ acqua anche a velocità elevate; se ci sono bambini nei paraggi può essere molto pericoloso. Anche se hai scelto un posto isolato, prima di lanciarti verso le onde con la tua tavola da skimboard  guardati sempre a destra e sinistra, potrebbero esserci passanti alle tue spalle; prendila come abitudine.

2) Fai un buon riscaldamento.

. I movimenti e i gesti dello skimboarding necessitano di rapidità e quindi senza un dovuto riscaldamento si rischiano stiramenti ai nostri muscoli. Riscalda bene le braccia con delle rotazioni, il busto con delle torsioni e le gambe (una corsetta sulla spiaggia sarebbe l’ ideale). In totale dovrebbe durare 10-15 minuti

3) Inizia sulla spiaggia.

Prima di buttarti in mare inizia a praticare i movimenti sulla sabbia morbida. In particolare lancia la tavola sulla sabbia vicino ai tuoi piedi e poi cerca di saltarci sopra con uno stacco unico, provando ad atterrare nella posizione esatta con i piedi come da figura:

come posizionarsi sullo skimboard

il piede posteriore deve posizionarsi il più dietro possibile sulla tavola, rimanendone comunque al suo interno, senza uscire dall’ area. Il piede anteriore si posiziona all’ incirca sulla metà della tavola o leggermente più avanti di questa linea senza mai superare i 2/3.

Una volta che riuscite  ad eseguire bene il movimento sulla sabbia (in condizioni di stabilità), potrete finalmente avvicinarvi alla riva!

Le condizioni  marine

Le condizioni ideali per iniziare a fare skimboarding sono quando il mare è calmo, o durante una scaduta.

Trovate un punto dove la battigia è molto ampia, possibilmente pianeggiante: la tavola scivola bene quando c’ è poca acqua sotto (5-10 cm).ATTENZIONE:  se l’ onda, ritirandosi, porta via l’ acqua da sotto la vostra tavola, questa si inchioderà sulla sabbia facendovi fare un bel volo.

Prima di iniziare vi consiglio di passare diverso tempo ad osservare il mare e il suo “ritmo”, imparate a riconoscerlo; ogni giorno sarà diverso quindi dedicate un po’ di tempo, prima di partire, ad osservare le onde a riva e immaginatevi l’ azione di entrata: Calcolate i tempi tra un onda e l’ altra ed evitate le zone con increspature sulla superficie (soprattutto all’ inizio). Uno skimboarder con un po’ d’ esperienza sa riconoscere questi elementi con un occhiata al mare, ma dietro c’ è sempre stata tanta osservazione e studio.

ANCORA NON ABBIAMO MESSO LA TAVOLA IN ACQUA EPPURE, SE RIUSCITE A TROVARE UN LUOGO ISOLATO; VI RIESCE BENE LA PROVA SULLA SABBIA E AVETE IMPARATO A RICONOSCERE IL MOMENTO GIUSTO PER INIZIARE L’AZIONE, SOLO GUARDANDO IL MARE,  AVETE GIA FATTO L’ 80% DEL LAVORO.

Iniziamo a divertirci!

Ci sono 3 step di apprendimento che se eseguiti in ordine, senza saltare le tappe, vi garantiranno un apprendimento più rapido e meno rischioso.

Nota: la velocità di rincorsa è intesa molto lenta all’ inizio (come una passeggiata veloce) per poi progredire GRADUALMENTE in base all’ esperienza. Ci si diverte molto anche con poca spinta.

STEP 1 – Una volta riconosciuto il momento giusto per entrare, fate qualche passo di rincorsa e lanciate la tavola delicatamente; dovrà atterrare il più vicino possibile ai vostri piedi ( che saranno immersi in acqua) e lasciatela andare senza saltarci sopra. Una delle cose più difficili da fare nello skimboarding è lanciare correttamente la tavola: questa non deve impuntarsi e durante il lancio non deve sollevarsi la punta. Deve cadere in acqua quasi di piatto e scivolare DRITTA nella direzione di lancio. Provate diverse volte il lancio prima di passare alla fase 2, finché non sarà perfetto.

STEP 2 Una volta che il vostro lancio è buono e stabile, prendete sempre qualche passo di rincorsa a bassa velocità, lanciate la tavola e stavolta seguitela correndo, cercando di prendere più “armonia” con la sua andatura, senza saltarci sopra. Perché non eseguire subito questa fase? Semplice, il lancio corretto prevede una grande concentrazione e coordinazione all’ inizio; se siamo anche concentrati a pensare all’ azione successiva( correre dietro la tavola), non riusciremo a fare né l’uno, né l’altro.

STEP 3 – Una volta soddisfatte le condizioni precedenti, armatevi di coraggio ed eseguite esattamente lo step 2, ma stavolta provate a saltare!  Lo stacco da terra può avvenire anche con solo un piede, ma l’ atterraggio sulla tavola deve essere perfettamente contemporaneo per i due piedi(al limite, il piede posteriore può atterrare leggermente prima dell’ anteriore, ma mai il contrario) ed esattamente nelle rispettive posizioni. Braccia larghe, ginocchia leggermente piegate,  sedere in basso e godetevi la vostra prima scivolata!

scusate la qualità delle immagini, risalgono a un mio vecchio video. spero riescano comunque a far capire il concetto

partenza e lancio dello skimboard
lasciate andare la tavola e correteci accanto, cercando di andare alla stessa velocità
stacco
Il salto viene effettuato preferibilmente con la gamba che andrà posizionata avanti sulla tavola
atterraggio sullo skimboard con entrambi i piedi
L’atterraggio va fatto con entrambi i piedi contemporaneamente (il piedi posteriore può atterrare leggermente prima)
scivolamento
Stabilizzatevi abbassando il baricentro, piegando le ginocchia, sedere in basso e braccia larghe
Come scegliere la tavola

La scelta della tavola è molto personale sia come forma che come dimensioni, poi sta tutto nel prenderci confidenza con tanta pratica.

 Generalmente un principiante dovrebbe iniziare con tavole più larghe e lunghe in modo tale che la superficie ampia favoreggi il galleggiamento, le tavole seguenti sono ottime per iniziare ad un prezzo molto accessibile

Tavola da Skimboard per principianti forma classica
Tavola da skimboard per principianti forma ogivale

Esistono anche delle tavole in schiuma che hanno una capacità galleggiante notevolmente maggiore di quelle in legno, consigliatissime per principianti, bambini e anche per chi ha un po’ di esperienza e  volesse eseguire qualche trick.

Tavola da skimboard in schiuma eva

Infine per chi vuole una tavola PRO ecco quella che senza dubbio sarà la mia prossima tavola!

Tavola da skimboard PRO

A questo punto non vi resta che provare!

Non scoraggiatevi ai primi fallimenti, si casca molte volte all’ inizio, ma con un po’ di impegno i risultati arriveranno!

Se volete ulteriori consigli (anche per qualche trick) scrivete qui sotto.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *