Le Strutture Del CONI ed Essere Riconosciuti Come Agonisti in Italia.

Forse non tutti sanno che in Italia solo ALCUNE Federazioni  Sportive o Enti di Promozione Sportiva o Discipline Sportive Associate appartengono e quindi sono riconosciute dal CONI. Ma quando vi dicono che sono iscritti al CONI, non sempre sarete riconosciuti come agonisti in Italia.  Vediamo come fanno a fregarvi e perché ci cascate!

Chiarezza in mezzo a tante denominazioni.

Innanzitutto bisogna sapere di cosa stiamo parlando, quindi andiamo a vedere brevemente cosa sono questi organi.

-CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano): istituito nel 1914; ha il compito di gestire e promuovere lo sport in Italia con il fine di portare gli agonisti migliori alle Olimpiadi. È l’ unico organo in Italia riconosciuto dal CIO

-CIO (Comitato Olimpico Internazionale): organizzazione non governativa; nata nel  1894 dall’ ambiziosa idea di Pierre De Coubertin con lo scopo di ricostruire le olimpiadi (che tradizionalmente avevano luogo nell’ antica Grecia). Rappresenta il massimo organismo sportivo mondiale.

-FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI (FSN): sono organi che sottostanno al CONI (45 in totale) le quali sono responsabili della gestionee organizzazione di determinati sport. Una qualsiasi federazione sportiva, per essere riconosciuta come FSN, deve passareattraverso un iter complesso: il CONI stesso deve riconoscerla e ne deve approvare lo statuto; deve avere un numero elevato di iscritti e associazioni sportive dilettantistiche su gran parte del territorio nazionale.

-ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (ASD): sono tutte quelle associazioni sportive non a scopo di lucro presenti sul territorio italiano. Quelle che tutti noi conosciamo come palestre, scuole di danza, società di calcio o pallavolo amatoriali.

-DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE (DSA): sono 19 discipline emergenti, che non hanno ancora soddisfatti i criteri per essere riconosciute come federazioni sportive nazionali  (a causa del basso numero di praticanti ad esempio) ma sono comunque riconosciute dal CONI.

-ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA (EPS): sono associazioni che hanno come scopo quello di promuovere lo sport sul territorio nazionale; quelle attualmente riconosciute dal coni sono 15.

Sfatiamo il mito

quindi ogni ASD in Italia, per essere Riconosciuta VERAMENTE dal CONI deve essere iscritta ad una delle  FSN o DSA o EPS presenti in sul territorio nazionale e riconosciute da quest’ ultimo (sono pubbliche e le puoi trovare sul sito ufficiale CONI).

E se aspirassi a partecipare a gare di livello italiano, europeo, mondiale o addirittura alle olimpiadi?  E se volessi entrare a far parte dei gruppi sportivi dell’ esercito (fiamme oro, fiamme gialle, fiamme azzurre ecc..)?  

È sufficiente che la mia ASD sia iscritta in un FSN/DSA/EPS?

NO, ASSOLUTAMENTE NO!

Solo l’ iscrizione ad una FSN ti potrà garantire tutto questo. (Lasciamo momentaneamente da parte le DSA poiché, come spiegato prima, non hanno semplicemente i numeri  per essere riconosciute FSN oppure non lo sono a causa di cavilli burocratici o di definizioni) L’ appartenenza soltanto ad un EPS NON vi consente di essere riconosciuti come agonisti al livello italiano. Fate attenzione, quando vi iscrivete in qualsiasi corso sportivo perché se appartiene ad una FSN riconosciuta dal CONI, oltre a garantirvi istruttori formati tramite professionisti, con corsi specifici della durata di ore e ore (alcune federazioni prevedono corsi di 60 ore per ogni livello ad esempio) con il superamento di esami teorici e pratici, vi garantiscono di essere riconosciuti come sportivi agonisti in Italia e a livello internazionale.

se ti iscrivi invece in una ASD che fa parte di una federazione NON riconosciuta dal CONI
-NON puoi partecipare a campionati italiani, europei o mondiali.
-NON puoi partecipare alle olimpiadi.
-NON puoi entrare a far parte dei gruppi sportivi dell’ esercito.

anche se la suddetta ASD è iscritta a un ente di promozione sportiva riconosciuta dal CONI.

E’ utile sapere che il CONI riconosce UNA sola FSN per ogni sport. Inoltre un ASD, oltre che essere iscritta ad una FSN, può decidere di iscriversi anche a un ente di promozione sportiva per poter partecipare a gare promozionali o eventi organizzati da quest’ ultimo.

questo schema ci aiuterà a capire meglio: un ASD per essere riconosciuta dal CONI può optare per 3 vie: verde, giallo e rosso.

Se segue la strada VERDE si iscriverà ad una FSN riconosciuta e una EPS (Opzionale) ED E’ L’ UNICA STRADA PER ESSERE RICONOSCIUTI A LIVELLO ITALIANO E MONDIALE COME AGONISTI E CAMPIONI.

Se prende la strada GIALLA, iscrivendosi ad una DSA e un EPS, è sulla buona via per entrare, magari in futuro, alle olimpiadi. Ha solo scelto uno sport che ancora è poco praticato in Italia come ad esempio Arrampicata sportiva, kung fu, rafting. (L’ arrampicata sportiva ad esempio sarà già presente alle Olimpiadi di Tokyo 2020 –rinviate al 2021)

Se prende la strada ROSSA, vuol dire che questa ASD non ha intenzione di fare gare ma di aprire un corso sportivo amatoriale “dilettantistico” appunto.

Ovviamente, la strada verde e la strada gialla sono più difficili da intraprendere poiché il CONI, per accettare le ASD sotto le sue Federazioni o Discipline, esige che al suo interno ci siano degli istruttori formati dalla stessa FSN o DSA, con attestati che lo provino.

Qual è la fregatura?

Semplice: molte ASD pagano l’ iscrizione a un EPS (seguendo la strada rossa) riconosciuto dal CONI, senza però essere iscritte ad una FSN riconosciuta. Quindi applicano sulla loro locandina il bellissimo marchio CONI, vantandosi del riconoscimento di quest’ ultimo tramite l’ EPS (cosa più che legittima). Purtroppo però, in questa ASD non sarete mai riconosciuti come agonisti al livello italiano e oltre.

Come fate a cascarci e non accorgervene per anni? Per esperienza diretta posso assicurarvi che queste ASD molto spesso sono iscritte a federazioni o confederazioni NON RICONOSCIUTE dal CONI ma che comunque vantano qualche numero di palestre in Italia e magari a volte hanno gemellaggi e accordi con due o tre federazioni  straniere.

 Ti faccio un esempio:  Tiziocaio fonda un ASD di pallavolo (che in Italia si può fare liberamente e anche senza attestati sportivi) e dato che non ha istruttori FIPAV (-Federazione Italiana Pallavolo- unica federazione i cui agonisti sono riconosciuti dal CONI ), fonda una nuova federazione o si associa ad un’altra già esistente (non riconosciuta dal CONI, ma perfettamente legale per lo Stato). Iscrive l’ associazione a un ente di promozione sportiva, magari riconosciuto dal CONI, semplicemente pagando un mensile, e inizia un corso di pallavolo vantando il nome CONI grazie all’ ente di promozione.

Organizza cosi campionati “regionali”, “italiani” per così dire “inter nos” ovvero tra i soli appartenenti a questa  federazione.

Ora un qualsiasi genitore o appassionato pallavolista arriverà davanti la porta di questa palestra, vedrà il marchio CONI e iscriverà il proprio figlio, o si iscriverà, senza pensarci due volte.  Si allena regolarmente in una normalissima palestra, partecipa a gare alzando coppe e medaglie come qualsiasi campione sentendosi appagato.  Perlomeno fino a quando non si accorgerà che questi  titoli, in Italia NON HANNO NESSUN VALORE!

Conclusioni

Prima di iscriverti in qualsiasi palestra chiediti quali sono i tuoi obiettivi: se vuoi semplicemente praticare sport al livello amatoriale, qualsiasi palestra va bene, purché affiliata FSN, DSA o EPS. Assicurati almeno di avere insegnanti certificati.

Se, invece, il tuo obiettivo è fare gare e raggiungere risultati anche degni di nota, o entrare nei famigerati gruppi sportivi dell’ esercito e vivere della tua passione, solo un ASD iscritta ad una Federazione Sportiva Nazionale può soddisfare questo tuo desiderio.

Informati!

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *